Continuano le indagini sulla morte di Camilla Canepa, la studentessa di 18 anni morta 9 giorni dopo aver ricevuto il vaccino AstraZeneca in un open day in Liguria. Secondo la ricostruzione della procure, la ragazza fu dimessa dall’ospedale di Lavagna il 4 giugno con ancora le piastrine basse e solo dopo una notte di osservazione.

Questo fa pensare agli investigatori dei Nas, coordinati dai pm Francesca Rombolà e Stefano Puppo, che i medici non le somministrarono alcuna terapia, come invece previsto dai protocolli.

Il medico legale Luca Tajana e l’ematologo Franco Piovella verificata la documentazione medica acquisita valuteranno se siano state rispettate tutte le linee guida pubblicate da Aifa ed Ema, successivamente in base a quanto emergerà, i pm decideranno se e quali medici sentire come persone informate dei fatti.

L’autopsia sul corpo della ragazza ha confermato il decesso per emorragia cerebrale. I medici legali hanno chiesto 90 giorni per completare gli accertamenti anche istologici. Intanto, a Sestri Levante fu proclamato lutto cittadino, in occasione della celebrazione dei funerali della ragazza.

Claudio Greggio direttore dell’ADM commenta: “Il decesso di Camilla non può rimanere senza un responsabile, bisogna cercare, errori od omissioni commessi a qualsiasi livello dovranno essere puniti. I vaccini AstraZeneca sono stati rimessi in funzione in italia dove in altri stati sono ancora sospesi e hanno già creato diverse vittime, indagate il ministro della salute Speranza e il Generale Figliuolo, chiedo loro di dimettersi, non sanno gestire l’emergenza”.

L’Associazione Diritti del Malato ha promesso l’avvio di una azione collettiva in favore di tutti gli under60 che abbiano ricevuto il vaccino AstraZeneca, tale azionne sarà finalizzata a chiedere a Stato, Regioni e Asl il risarcimento del danno morale per i potenziali rischi corsi sul fronte della salute per la somministrazione del vaccino AstraZeneca.

L’Associazione però non si ferma qua e intende estendere richiesta di risarcimento anche alla casa farmaceutica che ha prodotto il vaccino. Il vaccino Covid-19 è una terapia sperimentale, nessuno conosce la reale efficacia e i tempi di immunizzazione e soprattutto se sarà necessario ripetere il ciclo vaccinale.

No responses yet

Lascia un commento

Commenti recenti
    Categorie
    Disclaimer

    Le informazioni contenute nel presente sito internet sono frutto di una accurata selezione di notizie da noi considerate attendibili o relative a fatti che coinvolgono il  nostro lavoro ed i nostri operatori. Non se ne garantisce l’accuratezza o la completezza e nulla, in questo sito, è stato realizzato per fornire questa garanzia. Micu3000, il Gruppo ETAV e le associazioni ad esso aderenti non si assumono alcuna responsabilità per i danni derivanti dall’uso d’informazioni contenute in questo sito. Il presente sito web non contiene informazioni aggiornate con cadenza periodica e non può quindi essere considerato “periodico” o in ogni caso “prodotto editoriale” ai sensi dell’art. 1 legge 62/2001. L’aggiornamento del presente sito web avviene di volta in volta secondo le necessità dell’Associazione Diritti del Malato e della Micu3000 Associazione Consumatori e a suo insindacabile giudizio.

    Nomi, marchi e alcuni testi o immagini presenti sul sito appartengono ai legittimi proprietari e sono riportati per scopi informativi.